• Annunci

    • frman

      Regole della Stanzetta Privata - Come si Usa?

      La stanzetta privata è una stanza ad accesso limitato ai soli membri dello staff ed al gruppo Expert.A cosa serve?Questa stanzetta nasce con lo scopo di facilitare la comunicazione tra i membri dello staff e del gruppo Expert per poter gestire al meglio la sezione.La comunicazione delle idee e l'organizzazione rende possibile una migliore riuscita dei progetti Wi.Inoltre gli Expert possono considerare questa stanzetta un punto di riferimento per potersi esprimere liberamente, chiedere consiglio e pareri con i propri "colleghi di sezione".Cosa devo sapere per evitare di fare errori?E' fondamentale che tutte le informazioni presente e scambiate in questa stanzetta restino private, e non devono in nessun modo essere diffuse a terzi o all'esterno della stessa stanzetta.
    • nickca

      Nuovo Servizio per le vostre foto   03/20/2006

      Siamo lieti di lanciare una nuova iniziativa nella sezione fotografica del forumSi tratta di lezioni molto pratiche di alcune tecniche di fotoritocco, unite alla possibilità di sistemare le vostre immagini sbagliate.Avete delle foto che non corrispondono ai vostri gusti, o semplicemente sono venute diverse da come le avevate pensate?Ci sono problemi di esposizione, di tonalità sbagliate, di scarso contrasto?Volete raddrizzare il campanile di San Marco che somiglia troppo alla Torre di Pisa?Volete eliminare un particolare fastidioso che disturba l'equilibrio dell'immagine?Fate un post nella sezione Discussioni generali & help del forum di fotografia in Laboratorio di Fotoritocco scrivendo quali migliorie vorreste apportare alla foto, accludendo un link ad una immagine che avrete postato, a dimensioni e risoluzione il più possibile vicine all'originale, a questo indirizzo: http://imageshack.us/la posteremo sul forum con la sequenza di operazioni necessaria a rimediare ai difetti e alla fine riposteremo il link dell'immagine corretta.
  • articoli
    3
  • commenti
    6
  • visite
    6,964

Articoli in questa sezione

isileth

Tempo fa in un dibattito sull'evoluzione della TV dallo sbarco sul digitale, qualcuno parlava del fatto che la tv generalista stesse per scomparire di fronte all'assalto di quella specializzata.

A giudicare dal contenuto della tv specializzata, direi che la tv generalista ha ancora un bel po' di tempo prima della sua scomparsa.

Di cosa sto parlando?

Del fatto che da quello che ho potuto vedere sino ad ora, la tv specialista è semplicemente un contenitore di repliche.

TV che fa film?E poi si domandano il perchè dello sviluppo di

Va bene, ma non lo stesso 5 volte a settimana, alla stessa ora.

TV che parla di cinema?

Va bene il servizio sui film in sala, ma non 5 volte al giorno per una settimana di fila, oltretutto alla stessa ora.

TV che replica i serial più famosi?

Puo' starmi bene, ma non a caso, tre di fila per mesi.

E poi si stupiscono del successo di Facebook.

Quanto meno non è una replica.

isileth

Ho comprato recentemente una rivista informatica (Linux Magazine) che contiene alcuni esempi lampanti di ipocrisia informatica, altrimenti nota come “faccia come il lato B”.

In un punto viene spiegato l'utilizzo di macchine virtuali per installare vari sistemi operativi sul medesimo pc.

Nel parlare di Windows 7, l’autore si sofferma sul fatto che, per installare il sistema su macchina virtuale, occorra essere in possesso di una copia legale del programma e sin qui tutto bene.

La parte ridicola comincia riguardo a Mac OS X.

L'articolo spiega come in effetti non si possa installare Mac OS X su un pc qualsiasi, in quanto la licenza prevede che il SO possa essere utilizzato soltanto su hardware prodotto da Apple.

Il “dilemma” tuttavia si risolve con un "Ma al pirata poco importa e, dopo una breve ricerca su internet, provvede al download di un'immagine .iso di Mac OS X appositamente sviluppata per essere installata su macchina virtuale".

Notare che in copertina il titolo è "Windows 7, Mac OS X e dsistro Linux? Virtualizzali tutti in un solo pc."

Più avanti, nella sezione Sicurezza c'è una guida estremamente particolareggiata su come gli hacker fanno ad impossessarsi di password di accesso grazie alle rete wireless, peraltro preceduto da un'altra guida sul reverse engineering per vedere come entrare ancora meglio nei pc degli altri (anche senza il wireless).

Anche qui un ridicolo disclaimer indirizzato ai lettori della serie "noi lo spieghiamo per farvi capire come fanno gli altri, ma voi non lo farete perché siete bravi”.

La rivista finisce in gloria con un’altra spiegazione molto bella ed anche in questo caso particolareggiata, come scaricare gratuitamente le App Android a pagamento.

Il tutto mi è sembrato – come dicevo – ipocrita ed anche ridicolo.

isileth

Sempre più spesso mi viene in mente la frase che ho messo nel titolo e che era scritta su una di quelle buffe targhe in ceramica che una volta si trovavano nei mercatini.

Quello che intendo è che la maleducazione di pochi, rende difficile o quanto meno più scomoda la vita a tutti gli altri.

Per legge i locali pubblici devono tenere le loro toilette a disposizione di tutti, senza che chi li utilizza sia tenuto a pagare per usarli.

Questo non significa che non sia quanto meno educato che uno compri delle caramelle o qualcos’altro per ringraziare i padroni del locale.

Ho notato però che più passa il tempo, peggiore diventa la situazione.

Nei bagni sono spariti asciugamani di carta, sapone, carta igienica aggiuntiva e le chiavi devono essere chieste alla cassa.

La ragione è che, comprensibilmente, i padroni dei bar sono stufi di coloro che sciupano gli asciugamani buttandoli per terra e mai nel cestino, oppure ancora meglio nella tazza intasandola.

Oppure di vedersi rubare il sapone o spaccare il dosatore, sparire la carta igienica o trovare il bagno ridotto ad un porcile.

In un bar ho persino visto un attaccapanni ad oltre due metri da terra, in pratica irraggiungibile.

Quando ho chiesto la ragione di un simile posizionamento, mi hanno risposto che, in questo modo, era più difficile che venisse rubato.

Se tutti fossimo un po’ più educati, la vita sarebbe più facile per tutti.