luca68

Utenti
  • Numero contenuti

    1
  • Iscritto

  • Ultima visita

Su luca68

  • Livello
    Iniziato
  1. Ciao, a tutti, sono anche io interessato ad una di queste due macchine e mi trovo nella identica situazione di alexiej. Ho provato per un paio di giorni la panasonic tz3 (nuovo acquisto di un amico) e effettivamente per le funzioni e la lunga escursione focale può quasi sostituire una reflex in certe occasioni. Mi è piaciuta molto, da l'idea di robustezza, ha un bel display ampio ed è piuttosto semplice da usare, però le dimensioni ed il prezzo cominciano ad essere importanti. Cosi ieri sono stato in negozio a vedere la ricoh R6 che pensavo in un primo momento di acquistare ad occhi chiusi visto anche il prezzo di acquisto inferiore di circa 90 euro. Invece mi sono venuti dei dubbi. Esteticamente la trovo abastanza attraente, è molto compatta e le dimensioni considerato l'obbiettivo sono davvero contenute, la scocca però mi sembra in "plasticaccia" invece che in metallo ma quello che più mi lascia perplesso è il sistema per la riduzione delle vibrazioni che è automatico all'accensione e funziona, parole di ricoh, come "commutazione del ccd". Non ne capisco molto, ma non è mica un sistema elettronico che lavora sugli iso come in molte compatte e che poi all'atto pratico non serve a nulla? Il sistema della panasonic è escludibile oppure lavora su due opzioni(tremolio della mano o del soggetto, credo) e mi sembra che funzioni molto bene. C'è qualcuno ferrato in materia che mi sappia sciogliere questi dubbi? Grazie Luca68