Nemesi

Friends
  • Numero contenuti

    1,366
  • Iscritto

  • Ultima visita

Tutti i contenuti di Nemesi

  1. Inter-Napoli: 21 convocati APPIANO GENTILE - Josè Mourinho ha convocato 21 nerazzurri per Inter-Napoli, gara valida per 14^ giornata della Serie A Tim 2008-2009 in programma domani, domenica 30 novembre '08, allo stadio "Giuseppe Meazza" in San Siro a Milano (ore 15). Portieri: 12 Julio Cesar, 22 Paolo Orlandoni, 51 Vid Belec; Difensori: 2 Ivan Ramiro Cordoba, 16 Nicolas Burdisso, 6 Maxwell, 13 Maicon, 25 Walter Samuel, 39 Davide Santon; Centrocampisti: 4 Javier Zanetti, 5 Dejan Stankovic, 7 Luis Figo, 11 Luis Jimenez, 19 Esteban Cambiasso, 20 Sulley Muntari, 33 Amantino Mancini; Attaccanti: 8 Zlatan Ibrahimovic, 9 Julio Ricardo Cruz, 10 Adriano, 18 Hernan Crespo, 21 Victor Obinna. Fonte: Inter.it
  2. Champions League: Inter-Panathinaikos 0-1 MILANO - Uefa Champions League, Matchday 5, Inter contro Panathinaikos. Il tecnico mette in campo la difesa in linea composta da Cordoba e Materazzi; sulle fasce ancora spazio ai terzini brasiliani Maicon e Maxwell. Sulla mediana Zanetti è ancora alla destra di Cambiasso, perno di centrocampo insieme al ghanese Muntari. In attacco, il rientrante Figo svaria lungo tutto il fronte offensivo, alle spalle di Adriano e Ibrahimovic. Inter molto ordinata in campo e attenta a coprire bene gli spazi; ritmo basso in avvio di partita. Al minuto 11' Adriano scuote il palo calciando di sinistro dal limite dell'area piccola: Cambiasso verticalizza per l'attaccante nerazzurro che di sinistro colpisce il palo. Al 20' il Panathinaikos si fa vedere in area di rigore con Simao su calcio d'angolo, il colpo di testa del brasiliano non preoccupa Julio Cesar. Minuto 31' Ibrahimovic, servito da Cambiasso, spaventa il Panathinaikos: l'argentino con una splendida parabola mette l'attaccante nerazzurro solo di fronte al portiere, la palla è alta e lo svedese prova il pallonetto con un bellissimo colpo al volo, la sfera passa sopra testa di Galinovic e finisce sulla rete superiore della porta. Al 40' dopo uno scambio ravvicinato Ibrahimovic-Muntari: il ghanese prova la conclusione, palla fuori ma non di molto. Poco dopo Maicon dalla fascia destra crossa al centro dell'area, i difensori greci respingono, Cambiasso conquista la palla e serve ancora una volta Ibrahimovic, il controllo è difficile, ma lo svedese prova la conclusione: palla fuori di pochissimo. Squadre al riposo sullo 0-0. Seconda frazione di gioco. Al 52' un tiro potente di Simao esce sopra la traversa. Al minuto 54' Ibrahimovic si libera degli avversari, dal vertice alto dell'area di rigore conclude di potenza: Galinovic respinge in calcio d'angolo. Dal calcio piazzato successivo l'estremo difensore greco non riesce a bloccare la sfera, ma l'Inter non ne approfitta. Al 68' il Panathinaikos trova la via del gol. Calcio d'angolo dalla destra, Goumas colpisce di testa, Julio Cesar respinge e sulla ribattuta corta si avventa Sarriegi che segna. 74' buon cross di Quaresma per Adriano che non riesce a trovare la deviazione sottoporta. Al 90' Cruz, di petto, appoggia per Cambiasso che in corsa non riesce a colpire la sfera. I difensori del Panathinaikos deviano in calcio d'angolo: dal corner Julio Cruz svetta su tutti e manda la palla poco fuori. Al minuto 95' ultima occasione della partita con Cruz, chiuso dai difensori greci, non centra la porta. Il Panathinaikos approfitta dell'unico errore della retroguardia nerazzurra e si aggiudica la partita. Inter comunque qualificata agli ottavi della Uefa Champions League. Inter-Panathinaikos: 0-1 Marcatori: 68' Sarriegi Inter: 12 Julio Cesar; 13 Maicon, 2 Cordoba, 23 Materazzi, 6 Maxwell (75' Cruz); 4 Zanetti, 19 Cambiasso, 20 Muntari (46' Quaresma), 7 Figo (72' Balotelli); 8 Ibrahimovic, 10 Adriano. A disp.: 1 Toldo, 5 Stankovic, 9 Cruz, 16 Burdisso, 33 Mancini, 45 Balotelli, 77 Quaresma. All.: José Mourinho. Panathinaikos: 1 Galinovic; 29 Nilsson, 24 Vyntra, 8 Goumas, 3 Sarriegi, 31 Spiropoulos; 19 Gabriel ( 84' Tziolis), 23 Simao, 15 Gilberto Silva, 21 Karagounis (63' Salpingidis); 26 Mantzios (94' Rukavina). A disp.: 30 Tzorvas, 4 Mattos, 5 Rukavina, 7 Ninis, 14 Salpigidis, 22 Tziolis, 27 Ivanschitz. All.: Henk Ten Cate. Ammoniti: Galinovic, Goumas. Arbitro: Tom Henning Ovrebo (Norvegia). Fonte: Inter.it
  3. Inter-Panathinaikos: 19 convocati APPIANO GENTILE - Josè Mourinho ha convocato 19 nerazzurri in vista di Inter-Panathinaikos, MatchDay 5 del gruppo B dell'Uefa Champions League, in programma mercoledì 26 novembre 2008 allo stadio "Giuseppe Meazza" in San Siro a Milano (ore 20.45). Portieri: 1 Francesco Toldo, 12 Julio Cesar, 22 Paolo Orlandoni. Difensori: 2 Ivan Ramiro Cordoba, 6 Maxwell, 13 Maicon, 16 Nicolas Burdisso, 23 Marco Materazzi. Centrocampisti: 4 Javier Zanetti, 5 Dejan Stankovic, 7 Luis Figo, 19 Esteban Cambiasso, 20 Sulley Muntari, 33 Amantino Mancini, 77 Ricardo Quaresma. Attaccanti: 8 Zlatan Ibrahimovic, 9 Julio Ricardo Cruz, 10 Adriano, 45 Mario Balotelli. Fonte: Inter.it
  4. Inter-Juve, il gol pesante di Muntari È il 27° minuto del secondo tempo. Cross basso di Ibra... Manninger nella terra di nessuno... deviazione vincente di Sulley Muntari. Fonte: Inter.it
  5. Inter-juventus: 1-0, decide Muntari MILANO - Inter-Juventus 1-0. Allo stadio 'Giuseppe Meazza' ci sono 76.437 spettatori per la sfida al vertice tra Inter e Juventus. Squadre in campo con le maglie abituali. In difesa il tecnico nerazzurro si affida alla spinta sulle fasce di Maicon e Maxwell al centro della difesa ci sono Samuel e Materazzi. A centrocampo il vertice basso del centrocampo è occupato da Cambiasso, sulla fasce ci sono Muntari e Zanetti, vertice alto del centrocampo Stankovic. Tandem d'attacco composto da Ibrahimovic e Adriano. La Juventus risponde con Manninger tra i pali; difesa composta da Grygera, Chiellini, Legrottaglie e Molinaro; a centrocampo Nedved, Tiago, Sissoko e marchionni; in attacco Del Piero e Amauri. Primi minuti di gioco molto equilibrati, con le squadre attente a seguire le indicazioni degli allenatori. Il duo d'attacco nerazzurro si mette in mostra al minuto 8. Ibrahimovic serve Adriano lanciato a rete, il brasiliano è anticipato in uscita da Manninger. Al 10' Cambiasso sdradica un pallone dai piedi di Del Piero diretto verso la porta difesa da Julio Cesar. Al minuto 13' Stankovic lanciato a rete è disturbato dai difensori bianconeri e perde palla. Ancora Stankovic al 14' imbeccato da Adriano gira di testa verso la porta difesa da Manninger, che, blocca a terra. Al 16' Grygera tira da fuori ma la sua conclusione esce alta sulla traversa. Buon forcing offensivo dei bianconeri ma dopo un lungo possesso palla non riescono a concludere a rete chiusi dalla difesa interista. Nell'occasione Samuel dimostra di essere in gran forma quando, al 18', ferma un doppio attacco dei Bianconeri, prima su Del Piero al limite dell'area poi su Amauri lanciato a rete. Al 25' Ibrahimovic mette in difficoltà la retroguardia bianconera con un lungo possesso palla in area di rigore concluso con un tiro in porta bloccato a terra dall'estremo difensore avversario. Al 27' un buon cross dalla fascia destra è colpito di testa da Muntari che chiama all'intervento di piede Manninger piazzato sul palo corto. Minuto 29' Maicon, alla centesima presenza da nerazzurro, prova la conclusione battendo una punizione dalla destra, la palla è pericolosa e Mannninger è costretto a deviare con i pugni in calcio d'angolo. Occasionissima per Ibrahimovic al 33': lo svedese intercetta nel cerchio di centrocampo un passaggio sbagliato dai giocatori Juventini e dopo un paio di falcate si ritrova da solo davanti a Manninger, il suo tiro finisce di poco al lato. Al 40' conclusione in porta di Marchionni dopo una ripartenza Juventina, palla bloccata senza difficoltà da Julio Cesar. 41' Ibrahimovic attira su di se la difesa bianconera, poi scarica su Maicon che crossa al centro per la testa di Adriano, la sua conclusione è debole e Manninger blocca. 43' Julio Cesar devia in calcio d'angolo una conclusione di Marchisio. 46' grande inserimento centrale di Muntari che sfrutta un bel passaggio di Ibrahimovic: il centrocampista nerazzurro sfrutta l'ottimo passaggio di Ibrahimovic. La Juventus parte forte con Del Piero che al 4' minuto della ripresa prova la conclusione dal centro dell'area la conclusione è debole e viene bloccata da Julio Cesar. Al 20', occasione per Ibrahimovic: lo svedese sfruttta un lancio dalla trequarti conclude a rete da posizione angolata ma la sua conclusione finisce di poco al lato. Al 20' buona palla di Maxwell per Adriano, il colpo di testa del numero dieci nerazzurro è fuori ma l'arbitro aveva fermato il gioco per un fuorigioco. Al 26' Ibrahimovic, dalla trequarti, serve sulla fascia sinistra il lanciatissimo Muntari che entra in area di rigore e da posizione angolata mette al lato. Un minuto dopo, azione simile, il ghanese si inserisce in area di rigore: Ibrahimovic lo serve e e il centrocampista deve solo spingere la palla in rete, il gol del vantaggio nerazzurro. Al 37' Del Piero colpisce di testa su un calcio d'angolo devia verso la porta nerazzurra: Julio Cesar è spettacolare, ma efficace, nella sua deviazione in calcio d'angolo. L'Inter controlla la partita fino al fischio finale. La partita termina sul punteggio di 1-0, Inter in testa alla classifica con trenta punti in tredici gare. Inter-Juventus: 1-0 Marcatore: 27'st Muntari Inter: 12 Julio Cesar; 13 Maicon, 23 Materazzi, 25 Samuel, 6 Maxwell; 4 Zanetti, 19 Cambiasso, 20 Muntari (14 Vieira 45'st), 5 Stankovic (16 Burdisso 40'st); 8 Ibrahimovic, 10 Adriano (9 Cruz 38'st). A disposizione: 1 Toldo, 7 Figo, 18 Crespo, 77 Quaresma. Allenatore: José Mourinho. Juventus: 13 Manninger; 21 Grygera, 33 Legrottaglie, 3 Chiellini, 28 Molinaro; 32 Marchionni (16 Camoranesi 25'st), 22 Sissoko, 20 Tiago (19 Marchisio 4'pt), 11 Nedved; 10 Del Piero, 8 Amauri (9 Iaquinta 32'st). A disposizione: 12 Chimenti, 4 Mellberg, 20 Giovinco, 29 De Ceglie. Allenatore: Claudio Ranieri. Arbitro: Nicola Rizzoli (Bologna). Ammoniti: Materazzi, Samuel; Amauri, Legrottaglie. Fonte: Inter.it
  6. Palermo-Inter: 0-2, decide Ibrahimovic PALERMO - I nerazzurri scendono in campo con Julio Cesar tra i pali. In difesa il confermatissimo Samuel, alla seconda partita consecutiva, insieme a Cordoba; sulle fasce il duo brasiliano Maicon-Maxwell. Cambiasso occupa il vertice basso del rombo di centrocampo, Muntari il vertice alto pochi metri più indietro Vieria e Zanetti. In attacco per la prima volta dall'inizio il duo Ibrahimovic-Cruz. Buon avvio di gara dei nerazzurri che per i primi minuti di gioco occupano la metà campo del Palermo. Al 6' calcio d'angolo battuto magistralmente da Maicon la palla sembra scendere verso la porta di Fontana che è costretto a respingere di pugno in calcio d'angolo, sul calcio piazzato successivo altra palla insidiosa di Maicon stavolta nessun nerazzurro riesce a trovare la deviazione sottoporta. Al 12' Miccoli batte dalla trequarti una punizione. La palla è tesa, diretta verso la porta nerazzurra: Cruz tentando la respinta sfiora la sfera costringendo Julio Cesar al grande intervento. 18' Balzaretti crossa per Cavani che colpisce di testa, Julio Cesar blocca il tiro centrale dell'uruguaiano. Al 22' Maicon prova la conclusione di potenza dai trenta metri dopo una sgroppata dalla fascia destra, palla poco alta sulla traversa. Ibrahimovic, al 28', dal vertice alto dell'area di rigore si libera di due difensori palermitani con un bel gioco di gambe prima di tirare a rete: la sua conclusione, tesa e potente, è diretta nell'angolo basso della porta difesa dall'ex interista Fontana che è costretto alla respinta di piede. Al 32' Muntari, con un tocco di testa, prova a servire un compagno di squadra al centro dell'area: Balzaretti respinge fuori. Al 36' Vieira respinge un tiro di Miccoli. L'ultima occasione della partita è un tiro di Migliaccio bloccato da Julio Cesar. Squadre al riposo dopo due minuti di recupero, partita equilibrata e punteggio fermo sullo 0-0. Squadre in campo per la seconda frazione di gioco e Inter in vantaggio dopo ventidue secondi. Ibrahimovic grande protagonista della ripresa con tre occasioni in 17' minuti di gioco. Il gol dello svedese dopo ventidue secondi: Ibrahimovic sulla fascia destra ai trenta metri, porta la sfera avanti con la pianta del piede e conclude a rete: la palla calciata di interno destro compie una traiettoria perfetta e si infila alla destra di Fontana toccando il palo. Dalla fascia sinistra ancora Ibrahimovic, al 10', converge al centro dell'area e scocca un tiro di rara potenza diretto in porta, Fontana è costretto a superarsi per deviare in angolo. Al 11' dalla fascia destra si libera di Migliaccio e mette al centro per Muntari che non riesce ad intervenire di testa. Al 17' si guadagna un fallo al limite dell'area dopo uno scontro con Carrozieri. A calciare è lo svedese, sulla potente punizione centrale del nerazzurro Fontana non può far nulla, doppietta e settimo sigillo stagionale per Zlatan Ibahimovic. L'Inter continua a controllare il gioco e al 29' c'è ancora spazio per una conclusione tesa di Ibrahimovic che di sinistro mette al lato. Al 31' Cambiasso batte una punizione dalla trequarti, la parabola è insidiosa e esce di poco al lato. Al 35' Fontana riesce a salvare su Mancini, entrato al 32'st, lanciato a rete. Al 40' Mancini prova la conclusione a giro di destro palla fuori e Fontana immobile. Ibrahimovic replica l'azione dell'uno a zero al 46': dalla stessa posizione stavolta cerca di sorprendere Fontana sul primo palo con una conclusione potente, Fontana salva in tuffo mettendo in angolo. Al 47' l'ultima azione, Lanzafame ci prova da fuori area e Julio Cesar blocca con facilità. Tagliavento fischia la fine della seconda frazione di gioco dopo tre minuti di recupero. Buona prova dei nerazzurri che mantegono il controllo della partita per tutta la durata del secondo tempo. Palermo-Inter: 0-2 Marcatore: 1'st, 17'st Ibrahimovic. PALERMO: 12 Fontana; 16 Cassani (34'st Ciaramitano), 5 Bovo, 80 Carrozzieri, 42 Balzaretti; 8 Migliaccio, 11 Liverani (19'st Lanzafame); 23 Bresciano (11'st Budan); 30 Simplicio, 10 Miccoli, 7 Cavani. A disposizione: 1 Ujkani, 15 Dellafiore, 24 Kjaer, 14 Guana. Allenatore: Davide Ballardini. INTER: 12 Julio Cesar; 13 Maicon, 2 Cordoba, 25 Samuel, 6 Maxwell; 19 Cambiasso, 4 Zanetti, 14 Vieira (42'st Burdisso), 20 Muntari (20'st Stankovic); 9 Cruz (32'st Mancini), 8 Ibrahimovic. A disposizione: 1 Toldo, 23 Materazzi, 21 Obinna, 45 Balotelli. Allenatore: José Mourinho. Ammoniti: Bovo, Balzaretti, Simplicio; Cordoba. Arbitro: Paolo Tagliavento. Fonte: Inter.it
  7. Palermo-Inter: 21 convocati APPIANO GENTILE - Josè Mourinho ha convocato 21 nerazzurri in vista di Palermo-Inter, gara valida per l'anticipo della 12^ giornata della Serie A Tim 2008-2009 in programma domani, sabato 15 novembre, allo stadio "Renzo Barbera" di Palermo (ore 20.30). Portieri: 1 Francesco Toldo, 12 Julio Cesar, 22 Paolo Orlandoni. Difensori: 2 Ivan Ramiro Cordoba, 6 Maxwell, 13 Maicon, 16 Nicolas Burdisso, 25 Walter Samuel, 23 Marco Materazzi, 39 Davide Santon. Centrocampisti: 4 Javier Zanetti, 5 Dejan Stankovic, 14 Patrick Vieira, 19 Esteban Cambiasso, 20 Sulley Muntari, 36 Francesco Bolzoni, 33 Amantino Mancini. Attaccanti: 8 Zlatan Ibrahimovic, 9 Julio Cruz, 21 Victor Obinna, 45 Mario Balotelli. Fonte: Inter.it
  8. Inter-Udinese 1-0: decide Cruz MILANO - Tra i nerazzurri da segnalare il rientro di Maxwell e Walter Samuel al rientro dagli infortuni. In attacco ancora titolare l'azzurrino Mario Balotelli con Quaresma e Ibrahimovic a completare il trio d'attacco. La linea di centrocampo è composta da Vieira, Zanetti e Cambiasso. In difesa il rientrante Samuel al centro della difesa con Cordoba, sulle fasce Maxwell, anche lui al rientro da un infortunio e Maicon. La partita inizia con ritmi bassi e squadre attente a controllare il possesso palla. La prima occasione arriva al 10' minuto; Vieira controlla di petto prima di calciare a rete, palla fuori di un metro. Un bel cross di Quaresma, al 20', dalla fascia sinistra è intercettato da Coda che anticipa Ibrahimovic. Al 26' buona occasione per Quaresma che di libera di due difensori e prova la conclusione centrale bloccata a terra dal portiere Friulano. Al 28' Vieira dimostra grande personalità, prima perde un pallone in un contrasto con Isla, poi va a recuperare lui stesso sul giocatore avversario disimpegnando ottimamente su Maicon. Cambiasso potrebbe portare in vantaggio i nerazzurri al 34' sfruttando un ottimo cross dalla sinistra di Maxwell. Il centrocampista nerazzurro colpisce debolmente di testa da posizione defilata senza centrare la porta. Percussione centrale di Vieira, al 37', il francese è contrastato dai difensori avversari e perde palla, la riconquista Ibrahimovic al limite dell'area. L'attaccante nerazurro riesce a girarsi nonostante sia contrastato da Coda, la sua conclusione esce però alta sulla traversa. Al 40' Inler calcia dai trenta metri, la palla tocca il prato e diventa insidiosa per Julio Cesar che respingere aiutato da Samuel. Al 45' minuto Quaresma prova la conclusione dalla distanza, D'agostino posizionato al centro dell'area devia in calcio d'angolo. Squadre al riposo sul punteggio di 0-0. L'Udinese parte forte e al primo minuto di gioco, buona percussione centrale di Floro Flores che effettua un tiro centrale respinto da Julio Cesar. Al 6' Minuto della ripresa palla di poco alta sulla traversa con Domizzi che interviene di testa dal centro area su un cross di Floro Flores. Splendida sgroppata di Vieira, al 10', che partendo dalla metà campo arriva fino al limite dell'area di rigore avversaria nonostante la trattenuta prolungata di Inler, poi ammonito dall'arbitro. Al 13' terribile conclusione di Ibrahimovic che prende palla al limite dell'area di rigore supera Inler avanza sino al limite dell'area piccola e calcia di potenza sul primo palo, Handanovic si salva respingendo coi pugni. L'azione continua con un batti e ribatti al limite dell'area piccola, risolto dai difensori friulani con un rinvio fuori area. Al 21' calcio di punizione battuto da Cambiasso dalla fascia destra che costringe ancora un volta Handanovic alla respinta coi pugni. Sulla ribattuta ci prova Ibrahimovic di testa col portiere sloveno che blocca. Al 33' Cruz servito ottimamente da Ibrahimovic si fa anticipare da Handanovic. Al 34' il tiro insidioso di D'agostino dai trenta metri è respinto in angolo da Julio Cesar. Al 43' il capitano suona la carica. Zanetti calcia di destro dai trenta metri, la palla a filo d'erba attraversa tutta l'area di rigore e si stampa sul palo alla sinistra di Handanovic. Al 46' Obinna con una sgroppata sulla fascia sinistra guadagna il calcio d'angolo che consegna la vittoria e alla squadra nerazzurra. Sul calcio d'angolo la palla arriva al centro dell'area sulla testa di Julio Cuz che mette alle spalle di Handanovic. L'arbitro decreta la fine della partita dopo tre minuti di recupero. Inter-Udinese: 1-0 Marcatore: 47'st Cruz Inter: 12 Julio Cesar; 13 Maicon, 2 Cordoba, 25 Samuel, 6 Maxwell; 14 Vieira (27'st Stankovic), 19 Cambiasso, 4 Zanetti; 77 Quaresma (1'st J.Cruz), 8 Ibrahimovic, 45 Balotelli (18' Obinna). A disposizione: 1 Toldo, 18 Crespo, 23 Materazzi, 33 Mancini. Allenatore: José Mourinho. Udinese: 22 Handanovic; 32 Ferronetti, 13 Coda, 6 Domizzi, 24 Lukovic; 88 Inler, 21 D'Agostino, 15 Isla; 7 Pepe (44'st Motta), 27 Quagliarella, 83 Floro Flores (28'st Sanchez). A disposizione: 80 Belardi, 5 Obodo, 25 Nef, 26 Pasquale, 99 Sala. Allenatore: Pasquale Marino. Ammoniti: Cruz, Cordoba; Pepe, D'agostino, Inler. Arbitro: Emidio Morganti (Ascoli Piceno). Fonte: Inter.it
  9. UCL 08/09: Anorthosis-Inter 3-3 NICOSIA (CIPRO) - Si gioca allo stadio "GSP" di Nicosia la gara valida per il MatchDay 4 del gruppo B dell'Uefa Champions League 2008-2009. Squadre in campo e dopo appena sei minuti: E Mancini va via sulla fascia destra, crossa al centro per Ibrahimovic che prova la deviazione sottorete, Beqaj risponde con una parata a terra. Solo quattro minuti più tardi è il portoghese Quaresma a provare la conclusione dal limite dell'area ricevendo un'ottimo pallone da Maicon. Al 10' è Ibrahimovic a impensierire la difesa cipriota, il passaggio dello svedese diretto a Balotelli attraversa tutta l'area senza che nessuno dei nerazzurri riesca a trovare la devizione vincente. La prima occasione dei ciprioti è da segnalare al minuto 11': Taher trova lo spazio per correre verso la porta di Julio Cesar che con un'ottima uscita conquista la palla. Al 13' Balotelli sigla la sua prima marcatura in Champions. Ibrahimovic calcia una punizione potentissima che viene respinta da Beqaj sulla palla è rapido ad intervenire Balotelli che dal vertice basso dell'area piccola insacca in rete. Al 21' una conclusione di Quaresma dai venti metri esce al lato. Al 27' i nerazzurri ci provano con Stankovic che conquista un pallone sulla trequarti avversaria, supera quattro difensori calcia verso la porta, il tiro sfiora il palo ed esce di poco al lato. Al 31' L'Anorthosis trova la strada del pareggio. Burdisso non si accorge dell'uscita di Julio Cesar, smarca involontariamente Bardon che mette in rete a porta sguarnita. L'Inter prova a spingersi in avanti, 30' minuto, Ibrahimovic calcia dai venti metri e Beqaj respinge come può. Al 39' Balotelli servito da Stankovic prova uno splendido pallonetto che si spegne al lato. Materazzi su calcio d'angolo porta in vantaggio i nerazzurri al 44' deviando di testa il corner battuto da Balotelli. Al 46' in chiusura di primo tempo l'Anorthosis trova il pareggio in maniera roccambolesca: angolo dalla sinistra, la palla giunge a Dobrasinovic che passa a centro area, Cambiasso respinge, la palla carambola sulla testa di Panagi che batte Julio Cesar. Dopo un primo tempo ben giocato dall'Inter le squadre vanno al riposo sul punteggio di 2-2. Tra gli stessi uomini che scendono in campo per la ripresa, c'è anche Cambiasso che al primo minuto del secondo tempo colpisce un'ottima palla in controbalzo che esce a fil di palo deviata da Beqaj. Al 50' Frousos riesce ad anticipare Burdisso e a mettere in rete con un diagonale potente. Al 62' il tecnico nerazzurro decide di cambiare l'assetto tattico della sua squadra con una tripla sostituzione Cruz, Vieira, Maxwell entrano in campo al posto di Stankovic, Burdisso e Mancini. Al 66' Taher riesce ad entrare in area, cross teso per Laban e Julio Cesar devia con la punta del piede. Al 69'Ancora protagonista il portiere brasilano che devia in calcio d'angolo una conclusione di Constantinou. Al 76' splendida azione di marca nerazzurra, Ibrahimovic controlla di petto un cross, prova la conclusione e costringe Beqaj a mettere in angolo. Al 80' Julio Cruz pareggia i conti. Balotelli batte una punizione dalla trequarti e sulla palla arriva prima di tutti l'argentino che mette in rete di testa la palla del 3-3. Minuto 82' il colpo di testa di Esteban Cambiasso è respinto da Beqaj sulla linea di porta. Al 85' Ibrahimovic avrebbe sui piedi la palla del vantaggio ma dopo aver superato il portiere non riesce a trovare il tempo per la conclusione. Il secondo tempo termina dopo quattro minuti di recupero sul punteggio di 3-3. Inter in testa al girone B con otto punti a tre punti dai ciprioti secondi in classifica. Anorthosis Famagusta-Inter: 3-3 Marcatori: 13' Balotelli, 44' Materazzi, 80' Cruz; 31' Bardon, 46' Panagi, 50' Frousos Anorthosis Famagusta: 1 Beqaj; 11 Frousos (62' Skopelitis), 24 Costantinou, 12 Leiwakabessy, 28 Georgiou; 4 Katsavakis; 20 Laban, 6 Dobrasinovic, 10 Paulo Costa (42' Panagi), 27 Bardon (78' Ocokoljic); 19 Taher. A disposizione: 30 Nagy, 8 Skopelitis, 9 Sosin, 16 Tsitaishvili, 21 Panagi, 22 Ocokoljic, 23 Samaras. Allenatore: Temuri Ketsbaia. Inter: 12 Julio Cesar; 13 Maicon, 16 Burdisso (62' Vieira), 23 Materazzi, 4 Zanetti; 77 Quaresma, 19 Cambiasso, 5 Stankovic (62' Cruz), 33 Mancini (62' Maxwell); 8 Ibrahimovic, 45 Balotelli. A disposizione: 1 Toldo, 2 Cordoba, 6 Maxwell, 9 Cruz, 14 Vieira, 39 Santon, 36 Bolzoni. Allenatore: José Mourinho. Arbitro: Laurent Duhamel (Francia). Fonte: Inter.it
  10. Buon compleanno a Luis Figo MILANO - Tanti auguri di buon compleanno a Luis Figo che oggi compie 36 anni, essendo nato ad Almada il 4 novembre 1972. Al centrocampista portoghese gli auguri di tutta l'Inter e di tutti i tifosi interisti. Fonte: Inter.it
  11. U.C.L., Anorthosis-Inter: 21 convocati APPIANO GENTILE - Josè Mourinho ha convocato 21 nerazzurri in vista di Anorthosis Famagusta-Inter, Matchday 4 del gruppo B della Uefa Champions League 2008-2009, in programma martedì 4 novembre 2008 al "GSP Stadium" di Nicosia (calcio d'inizio ore 20,45 italiane). Portieri: 1 Francesco Toldo, 12 Julio Cesar, 22 Paolo Orlandoni. Difensori: 2 Ivan Ramiro Cordoba, 6 Maxwell, 13 Maicon, 16 Nicolas Burdisso, 23 Marco Materazzi, 39 Davide Santon. Centrocampisti: 4 Javier Zanetti, 5 Dejan Stankovic, 14 Patrick Vieira, 19 Esteban Cambiasso, 33 Amantino Mancini, 36 Francesco Bolzoni, 44 Luca Tremolada, 77 Ricardo Quaresma. Attaccanti: 8 Zlatan Ibrahimovic, 9 Julio Ricardo Cruz, 41 Mattia Destro, 45 Mario Balotelli. Fonte: Inter.it
  12. Reggina-Inter: 2-3 decide Cordoba REGGIO CALABRIA - Seconda partita delle tre in trasferta, nelle ultime due settimane. Si gioca contro la Reggina. L'Inter per la seconda volta consecutiva scende in campo in completa tenuta bianca. Rispetto alla partita con la Fiorentina diversi cambi in formazione Chivu torna in difesa al fianco di Cordoba, a centrocampo il rientro di Vieira e in attacco l'inserimento di Balotelli. La Reggina dimostra di non essere scesa in campo per difendersi e al primo minuto è Vigiani a provare il tiro bloccato a terra da Julio Cesar. Anche Quaresma dimostra di esserci, dopo appena sei minuti colpisce in pieno il palo calciando di esterno destro. Al 9' minuto, bella ripartenza da parte dell'Inter. Quaresma effettua un lancio preciso dalla metà campo, per Ibrahimovic che prima sia allarga sulla fascia, poi mette un'ottimo pallone al centro per l'accorrente Maicon che piazza la palla nel sette calciando di destro dal limite dell'area piccola. È ancora l'ottimo Quaresma, al 24', a creare l'occasione da gol poi finalizzata da Vieira. Il portoghese al limite dell'area, attira su di se un paio di difensori, il centrocampista nerazzurro prova l'inserimento centrale Quaresma lo vede e gli serve un'ottimo pallone, il tiro di Vieira passa sotto le gambe del portiere reggino e finisce in rete. La Reggina accorcia le distanze al 34' con Francesco Cozza che tira in porta dal limite dell'area una leggera deviazione di Maicon e Julio Cesar non riesce ad intervenire. Al 42' splendida azione dei nerazzurri, Mancini serve Vieira che dal limite dell'area piccola la passa ad Ibrahimovic solo davanti a Campagnolo infila in rete ma l'arbitro decide di annullare per una dubbia posizione di fuorigioco. Al 45' l'ultimo sussulto della partita con un tiro di Cozza deviato in calcio d'angolo dalla difesa nerazzurra. L'arbitro manda tutti negli spogliatoi al termine di un bel primo tempo. Secondo tempo e stessi uomini in campo. E c'è ancora Balotelli in campo che colpisce in sforbiciata nonostate sia disturbato da un difensore reggino. Al 52' Brienza prova ad impegnare Julio Cesar con un tiro basso bloccato facilmente dal portiere carioca. Al 53' Brienza prova di nuova la conclusione intercettando una palla al limite dell'area, il suo tiro è sfiorato da Julio Cesar che non riesce ad evitare il gol. Balotelli al 56' riesce a girarsi per la conclusione a rete ma il suo tiro è troppo debole. Al 61' Crespo entrato da pochi minuti trova lo spazio per una conclusione a rete, troppo centrale, sfruttando un cross di Balotelli. Ed è ancora l'under-21 italiano ad effettuare un bel cross dalla trequarti per Ibrahimovic al 66' della ripresa. Lo svedese prova la il colpo di testa da posizione defilata ma non riesce a sfruttare l'occasione da gol. Al 69' splendida azione corale dei nerazzurri che con una serie di passaggi in velocità arrivano al limite dell'area. Ibrahimovic serve ottimamente Balotelli che costringe Campagnolo alla deviazione in calcio d'angolo. L'inter nel secondo tempo prova a giocare in velocità. Al 76' Vieira smarca Quaresma che in uno spazio strettissimo conclude poco al lato. Minuto 80' Quaresma dalla fascia sinistra effettua un cross col contagiri per Crespo che anticipa di testa un difensore amaranto prima di concludere di poco al lato. Al 87' Carmona salta Cordoba e si trova di fronte a Julio Cesar che gli chiude la strada del gol. Al 91' l'Inter si riporta in vantaggio con Cordoba su calcio d'angolo. Dalla sinistra Balotelli batte il corner, Burdisso prolunga per Cordoba che controlla e conclude a rete. L'Inter conquista i tre punti e la vetta della classifica in attesa delle partite di domani. Reggina-Inter: 2-3 Marcatori: 34' Cozza, 53' Brienza; 9' Maicon, 24' Vieira, 91' Cordoba. REGGINA: 30 Campagnolo; 3 Costa, 5 Cirillo, 55 Lanzaro (75' Cosenza), 16 Valdez; 7 Vigiani, 8 Barreto, 35 Carmona; 81 Brienza (82' Tognozzi), 10 Cozza (68' Di Gennaro), 9 Corradi. A disposizione: 1 Puggioni, 2 Hallfredsson, 13 Cosenza, 18 Rakic, 20 Alvarez, 31 Tognozzi, 88 Di Gennaro. Allenatore: Orlandi. INTER: 12 Julio Cesar; 13 Maicon, 2 Cordoba, 26 Chivu (75' Burdisso), 6 Maxwell; 4 Zanetti, 14 Vieira, 77 Quaresma (82' Obinna), 45 Balotelli, 8 Ibrahimovic, 33 Mancini (58' Crespo). A disposizione: 1 Toldo, 5 Stankovic, 23 Materazzi, 25 Samuel, 16 Burdisso, 18 Crespo, 21 Obinna. Allenatore: Mourinho. Ammoniti: Barreto; Cordoba. Arbitro: De Marco (Chiavari). Fonte: Inter.it
  13. Reggina-Inter: 20 convocati APPIANO GENTILE - Josè Mourinho ha convocato 20 nerazzurri in vista di Reggina-Inter, gara valida per l'anticipo della 10^ giornata della Serie A Tim 2008-2009 in programma domani, sabato 1 novembre, allo stadio "Granillo" di Reggio Calabria (ore 18.00). Portieri: 1 Francesco Toldo, 12 Julio Cesar, 51 Vid Belec. Difensori: 2 Ivan Ramiro Cordoba, 6 Maxwell, 13 Maicon, 16 Nicolas Burdisso, 25 Walter Samuel, 23 Marco Materazzi, 26 Cristian Chivu, 39 Davide Santon. Centrocampisti: 4 Javier Zanetti, 5 Dejan Stankovic, 14 Patrick Vieira, 33 Amantino Mancini, 77 Ricardo Quaresma. Attaccanti: 8 Zlatan Ibrahimovic, 18 Hernan Crespo, 21 Victor Obinna, 45 Mario Balotelli. Fonte: Inter.it
  14. Serie A Tim: l'Inter pareggia 0-0 al Franchi FIRENZE - Secondo turno infrasettimale della stagione, l'Inter affronta la Fiorentina all'Artemio Franchi. I viola arrivano dalla vittoria per 3-1 in casa del Palermo, i nerazzurri dal pari interno con il Genoa. Primo minuto l'Inter, in completa tenuta bianca, ottiene un calcio d'angolo e pochi secondi dopo la Fiorentina risponde con una palla toccata da Pazzini e bloccata da Julio Cesar senza problemi. Al 5' minuto Ibrahimovic attira su di se tutta la difesa viola, passaggio filtrante per Mancini che calcia da posizione angolatissima colpendo la parte inferiore della traversa. Al 6' i viola provano la risposta con l'accoppiata Santana-Pazzini. L'argentino crossa per il numero ventinove fiorentino che devia di testa verso la porta difesa da Julio Cesar che blocca la sfera. Al 12' ancora un cross, sempre dalla fascia destra, di Kuzmanovic che non trova l'intervento di nessun compagno di squadra. Al 29' punizione dai trenta metri di pasqual palla tesa, ma Pazzini e Felipe non riescono a deviare verso la porta. Al 25' rimessa laterale molto lunga di Maicon. Ibrahimovic prolunga di testa per Obinna che non centra la porta. Al 27' dal limite dell'area Mancini alza uno splendido pallone per Ibrahimovic che nonostate il tentativo di disturbo di Gamberini riesce a concludere in maniera insidiosa. Kuzmanovic, al 28', prova ancora un cross per Osvaldo. L'italoargentino la tocca di testa ma la sua conclusione termina alta sopra la traversa. Al 37' Obinna dimostra di avere un buon gioco di gambe. Si libera di Pasqual con un paio di finte ma il suo cross è deviato da Frey in calcio d'angolo. Rischio per la difesa nerazzurra, al 38', è ancora Kuzmanovic a farsi largo per il cross. A ricevere il cross del serbo è ancora Osvaldo che prova a concludere, palla abbondantemente alta. Al 43' punizione dal limite battuta da Pasqual, bel tiro ma JulioCesar è splendido nella sua deviazione. Squadre al riposo sul punteggio di 0-0. Primo tempo equilibrato, squadre compatte, ritmo di gioco molto intenso ma poche occasioni pericolose. Da segnalare le splendide azioni dell'accoppiata Mancini-Ibrahimovic al 5' e al 27'. I primi dieci minuti della ripresa vedono le squadre affrontarsi con più decisione. Al 57' Osvaldo se ne va sulla fascia palla al centro bloccata facilmente da Julio Cesar. Un minuto dopo grande occasione per la squadra nerazzurra, Maxwell crossa dalla fascia destra Frey prolunga la traiettoria e la palla finisce sui piedi di Mancini che dall'altezza della area piccola non riesce a concludere a porta vuota. Al 64' Crespo appena entrato impegna Frey in una parata sul primo palo. L'argentino era stato servito da un'ottimo cross di Stankovic. Al 66' Osvaldo per Pazzini, la difesa interista respinge. Sulla ribattutta, arriva Osvaldo che calcia sull'esterno della rete. Al 72' Ibrahimovic prolunga per Crespo un cross dalla sinistra. L'argentino colpisce di testa ma la palla finisce al lato. Al 78' buona occasione per Gamberini. Il difensore viola devia di testa un calcio d'angolo battuto dalla destra, palla al lato. Al 85' Santana si invola sulla fascia sinistra, crossa per Pazzini che di testa in tuffo manda alto. All'87' Jovetic prova un tiro dai venti metri, la palla termina al lato. L'arbitro fischia la fine della partita dopo cinque minuti di recupero. Fiorentina-Inter: 0-0 Fiorentina: 1 Frey; 23 Pasqual (85' Zauri), 5 Gamberini, 2 Kroldrup, 21 Comotto; 22 Kuzmanovic (70' Almiron), 88 Felipe Melo, 18 Montolivo; 24 Santana; 29 Pazzini, 9 Osvaldo (74' Jovetic). A disposizione: 13 Storari, 4 Donadel, 7 Semioli, 8 Jovetic, 14 Zauri, 30 Almiron, 54 Da Costa. Allenatore: Cesare Prandelli. Inter: 12 Julio Cesar; 13 Maicon, 2 Cordoba, 16 Burdisso, 6 Maxwell; 4 Zanetti, 5 Stankovic (82' Quaresma), 26 Chivu; 21 Obinna (62' Crespo), 8 Ibrahimovic, 33 Mancini (62' Vieira). A disposizione: 1 Toldo, 14 Vieira, 15 Dacourt, 18 Crespo, 23 Materazzi, 45 Balotelli, 77 Quaresma. Allenatore: José Mourinho. Arbitro: Roberto Rosetti di Torino. Ammoniti: Kroldrup; Maicon. Fonte: Inter.it
  15. Fiorentina-Inter: 20 convocati APPIANO GENTILE - Josè Mourinho ha convocato 20 nerazzurri in vista di Fiorentina-Inter, gara valida per il turno infrasettimanale della 9^ giornata della Serie A Tim 2008-2009 in programma domani, mercoledì 29 ottobre, allo stadio "Artemio Franchi" di Firenze (ore 20.30). Portieri: 1 Francesco Toldo, 12 Julio Cesar, 22 Paolo Orlandoni. Difensori: 2 Ivan Ramiro Cordoba, 6 Maxwell, 13 Maicon, 16 Nicolas Burdisso, 25 Walter Samuel, 23 Marco Materazzi, 26 Cristian Chivu. Centrocampisti: 4 Javier Zanetti, 5 Dejan Stankovic, 14 Patrick Vieira, 15 Olivier Dacourt, 33 Amantino Mancini, 77 Ricardo Quaresma. Attaccanti: 8 Zlatan Ibrahimovic, 18 Hernan Crespo, 21 Victor Obinna, 45 Mario Balotelli. Fonte: Inter.it
  16. Inter-Genoa 0-0 MILANO - Torna il campionato e i nerazzurri affrontano il Genoa. I rossoblu hanno tredici punti in classifica, a tre lunghezze dai nerazzurri. L'Inter scende in campo con Julio Cesar tra i pali, Zanetti, Cordoba, Chivu e Burdisso come linea difensiva. A centrocampo Stankovic, Muntari e Maicon. In attacco torna il tridente composto da Adriano, Quaresma e Ibrahimovic. Al 15' Stankovic prova il tiro dai 25 metri. La conclusione termina al lato. Al 17' Ibrahimovic si libera di due avversari e lascia partire un bel tiro da fuori. La conclusione dello svedese è parata a terra da Rubinho, che anticipa l'accorrente Adriano. Al 21' Sculli trova spazio sulla fascia andando in progressione e crossa per l'accorrente Milito. Il colpo di testa dell'argentino è bloccato facilmente da Julio Cesar. Al 32' bellissima girata di Ibrahimovic. Adriano dal vertice alto dell'area serve lo svedese, posizionato al limite dell'area di rigore. Ibrahimovic si fa spazio per la conclusione di sinistro, ma il suo tiro finisce alto sulla traversa. Al 35' rischio per la retroguardia nerazzurra. Milito prova la conclusione centrale, Julio Cesar respinge di pugno.Sulla palla arriva l'accorrente Mesto, che spreca calciando al lato. Ancora Mesto protagonista pochi secondi più tardi. Il centrocampista colpisce la traversa con un tiro potente dalla trequarti. Sul ribaltamento di fronte, bella galoppata sulla fascia destra del solito Maicon. Al 44,' il brasiliano va in progressione sulla fascia e crossa per Ibrahimovic che colpisce di testa. La palla viene deviata in calcio d'angolo. Dalla battuta nulla di fatto, e con il fischio dell'arbitro le due squadre vanno al riposo sul punteggio di 0-0. Nella ripresa entrano Obinna e Balotelli per Quaresma e Adriano. Ed è subito Obinna che si fa vedere con una bella azione in progressione sulla fascia: il nigeriano converge al centro per il tiro, ma la sua conclusione è troppo angolata e la palla finisce a lato. Al 59' la partita s'infiamma. Prima, da un cross di Maicon, la palla finisce sulla traversa deviata da un difensore genoano, poi sulla ripartenza Milito va al tiro. Julio Cesar respinge. Ancora una ripartenza e stavolta è un fischio dell'arbitro ad interropere il gioco: brutto fallo di Juric su Maicon, l'arbitro estrae il giallo, il secondo per il croato, che termina la partita al 61. Al minuto 64 Milito ha spazio per avanzare in contropiede. I nerazzurri gli concedono spazio per il tiro, ma Julio Cesar è bravo a respingere. Al 70' si scatena Obinna che prende tutti in velocità, arriva al limite della area piccola,lascia partire un cross basso che attraversa tutta l'area, prima che la palla venga messa in angolo da Criscito. Passano solo due minuti ed è ancora Obinna in velocità a creare problemi alla retroguardia genoana, ma stavolta il nigeriano prova la conclusione. La palla termina di poco a lato. Al 78' Zanetti penetra in area di rigore e tenta la conclusione, che viene deviata dai difensori del Genoa in calcio d'angolo. 83'minuto: Ibrahimovic prova la conclusione potente, ma la palla termina al lato. 89'minuto: Cruz crossa al centro per la testa di Ibrahimovic, che viene anticipato in uscita da Rubinho. Al quinto minuto di recupero l'ultimo lampo della partita lo crea con una punizione di Motta respinta da Julio Cesar. Dopo cinque minuti di recupero l'arbitro manda tutti negli spogliatoi. Inter e Genoa terminano l'icontro sul punteggio di 0-0. Primo tempo sostanzialmente equilibrato. Squadre ben messe in campo, ma le emozioni non mancano. L'Inter cerca di guadagnare metri sfruttando i cross di Quaresma e le percussioni centrali di Ibrahimovic. Il Genoa pericoloso in alcune occasioni con le conclusioni dalla distanza di Giandomenico Mesto. Secondo tempo più nervoso.L'arbitro estrae ben sei cartellini gialli durante la ripresa tra cui quello doppio che manda negli spogliatoi Juric. Inter-Genoa: 0-0 Inter: 12 Julio Cesar; 13 Maicon, 2 Cordoba, 16 Burdisso, 26 Chivu; 4 Zanetti, 5 Stankovic, 20 Muntari (53' Cruz); 10 Adriano (46' Balotelli), 8 Ibrahimovic, 77 Quaresma (46' Obinna). A disposizione: 1 Toldo, 6 Maxwell, 9 Cruz, 21 Obinna, 23 Materazzi, 33 Mancini, 45 Balotelli. Allenatore: José Mourinho. Genoa: 83 Rubinho; 15 Papastathopoulos, 25 Biava, 13 Ferrari; 20 Mesto, 88 Motta, 28 Juric, 4 Criscito; 7 Rossi (83' Bocchetti), 22 Milito (78' Jankovic), 14 Sculli (63' Vanden Borre). A disposizione: 73 Scarpi, 3 Potenza, 8 Roman, 17 Jankovic, 26 Bocchetti, 29 Brivio, 68 Vanden Borre. Allenatore: Gian Piero Gasperini. Ammoniti: Criscito, Ferrari, Juric, Motta; Muntari, Maicon, Ibrahimovic, Burdisso. Espulso: Juric Arbitro: Daniele Orsato (Schio). Fonte: Inter.it
  17. Inter-Genoa: 20 convocati APPIANO GENTILE - Josè Mourinho ha convocato 20 nerazzurri per Inter-Genoa, gara valida per l'8^ giornata della Serie A Tim 2008-2009 in programma domani, domenica 26 ottobre 2008, allo stadio "Giuseppe Meazza" in San Siro a Milano (ore 15.00). Portieri: 1 Francesco Toldo, 12 Julio Cesar, 22 Paolo Orlandoni; Difensori: 2 Ivan Ramiro Cordoba, 6 Maxwell, 13 Maicon, 16 Nicolas Burdisso, 23 Marco Materazzi, 26 Cristian Chivu; Centrocampisti: 4 Javier Zanetti, 5 Dejan Stankovic, 20 Sulley Muntari, 33 Amantino Mancini, 77 Ricardo Quaresma; Attaccanti: 8 Zlatan Ibrahimovic, 9 Julio Ricardo Cruz, 10 Adriano, 18 Hernan Crespo, 21 Victor Obinna, 45 Mario Balotelli. Fonte: Inter.it
  18. Inter-Anorthosis Famagusta: 1-0 decide Adriano MILANO - Matchday 3 della Champions League 2008/09, Inter e Anorthosis Famagusta si affrontano allo stadio "Giuseppe Meazza" per la testa della classifica. In porta per i nerazzurri Toldo. Mourinho schiera i suoi con il 4-3-3 utilizzato nelle ultime uscite ma stavolta al fianco di Ibrahimovic ci sono Adriano e Mancini. Ketsbaia propone un 4-2-3-1. A centrocampo l'ex romanista Dellas e sulla linea dei trequarti Savio ex del Real Madrid. Primo sussulto della partita da un calcio d'angolo, Maicon di testa, palla al lato. Al 4' Toldo si fa trovare pronto su una potente punizione di Dellas. Al 7', Stankovic dai trenta metri prova a sorprendere Beqaj con un bel tiro, la palla sembra diretta all'incrocio dei pali, ma esce di pochissimo al lato. Al 10' splendida azione dei nerazzurri, che avanzano con un'azione corale arrivano al centro dell'area, palla per Muntari che da distanza ravvicinata prova il tiro, Beqaj è bravo a respingere. Al 15' l'Inter continua a premere sui ciprioti chiusi nella loro metà campo con delle fitte trame di passaggi, stavolta Ibrahimovic recupera palla all'altezza della trequarti, poi uno splendido scambio Cambiasso-Adriano porta il brasiliano al tiro, palla al lato di un soffio. L'Inter cerca di sfruttare i pochi spazi concessi dall'Anorthosis, al 27' Ibrahimovic riesce a liberarsi con una finta di un difensore cipriota. Lo svedese sceglie la conclusione di potenza, tiro centrale e Beqaj blocca facilmente. Al 36' Ibrahimovic largo sulla fascia destra effettua un cross diretto al centro dell'area, l'estremo difensore cipriota è costretto a prolungare la traiettoria per anticipare l'intervento di testa degli attaccanti nerazzurri. Al 44' con il verdeoro Adriano l'Inter passa in vantaggio. Ibrahimovic recupera palla, serve Maicon che dalla fascia crossa un'ottima palla per la testa di Adriano che insacca in rete. Secondo tempo l'Anorthosis sembra voler attaccare, e al 45' della ripresa, Katsavakis prova la conclusione a rete colpendo di testa da posizione defilata palla fuori. Al 49' Muntari devia fuori un calcio di punizione di Mancini. Siamo al 52' quando Muntari al centro dell'area prova ad intervenire sul cross di Ibrahimovic, ma viene anticipato da Beqaj. Al 68' Adriano serve Ibrahimovic in profondità, il numero otto nerazzurro si trova, in posizione angolata, solo di fronte a Beqaj ma il suo tiro troppo angolato esce a lato. Al 73' Muntari di testa ma ancora troppo alto sulla traversa. Quaresma, al 76', prova il tiro d'esterno destro dal limite dell'area tiro troppo alto. Al 89' Cruz ha sui piedi la palla del raddoppio, tiro basso e di poco fuori. La partita termina senza particolari emozioni. L'Inter si aggiuda il match e la testa della classifica. Primo tempo, Inter prova a giocare in velocità cercando di sfondare la difesa cipriota con delle azioni centrali. L'Anorthosis schiacciato in difesa cerca di non farsi sorprendere dagli attancchi interisti costringendo spesso i nerazzurri a concludere da fuori. Secondo tempo, L'Inter controla la partita e l'Anorthosis si limita a poche sortite offensive senza mai impegnare Toldo. Inter-Anorthosis Famagusta FC : 1-0 Marcatori: : 44' Adriano Inter: 1 Toldo; 13 Maicon, 2 Cordoba, 26 Chivu, 4 Zanetti; 5 Stankovic, 19 Cambiasso (82' Burdisso), 20 Muntari; 10 Adriano (82' Cruz), 8 Ibrahimovic, 33 Mancini (62' Quaresma). A disposizione: 12 Julio Cesar, 9 Cruz, 16 Burdisso, 23 Materazzi, 39 Santon, 45 Balotelli, 77 Quaresma. Allenatore: José Mourinho. Anorthosis Famagusta: 1 Beqaj; 22 Ocokoljic; 4 Katsavakis, 24 Costantinou, 12 Leiwakabessy; 6 Dobrasinovic (88' Frousous), 33 Dellas; 27 Bardon (75' Tsitaishvili), 17 Savio, 20 Laban; 9 Sosin (46' Taher). A disposizione: 30 Nagy, 11 Frousos, 16 Tsitaishvili, 19 Taher, 21 Panagi, 23 Samaras, 67 Theodotou. Allenatore: Temuri Ketsbaia. Ammoniti: Katsavakis Arbitro: Howard Webb (Inghilterra). Fonte: Inter.it
  19. Inter-Anorthosis: 20 convocati APPIANO GENTILE - Josè Mourinho ha convocato 20 nerazzurri in vista di Inter-nter-Anorthosis Famagusta, MatchDay 3 del gruppo B dell'Uefa Champions League, in programma mercoledì 22 ottobre 2008 allo stadio "Giuseppe Meazza" in San Siro a Milano (ore 20.45). Portieri: 1 Francesco Toldo, 12 Julio Cesar, 22 Paolo Orlandoni. Difensori: 2 Ivan Ramiro Cordoba, 13 Maicon, 16 Nicolas Burdisso, 23 Marco Materazzi, 26 Cristian Chivu, 39 Davide Santon. Centrocampisti: 4 Javier Zanetti, 5 Dejan Stankovic, 19 Esteban Cambiasso, 20 Sulley Muntari, 33 Amantino Mancini, 36 Francesco Bolzoni, 77 Ricardo Quaresma. Attaccanti: 8 Zlatan Ibrahimovic, 9 Julio Ricardo Cruz, 10 Adriano, 45 Mario Balotelli. Fonte: Inter.it
  20. Roma-Inter 0-4: espugnato l'Olimpico ROMA - Roma-Inter, siamo solo alla settima giornate ma la partita è di quelle decisive, in caso di vittoria i nerazzurri andrebbero, in solitudine, in testa al campionato. Sorprese negli undici iniziali delle due formazioni, ripettivamente Totti nei giallorossi e Obinna per l'Inter. Riise è il primo protagonista tenta un tiro in porta ma la sua conclusione centrale non impensierisce Julio Cesar. Ibrahimovic gli ruba la scena e nello stesso minuto, il 6', i nerazzurri partono in contropiede. Maicon lancia Ibrahimovic che scatta al limite del fuorigioco e solo di fronte a Doni lo supera con uno splendido pallonetto dal vertice alto dell'area di rigore. 14' minuto, coast to coast di Maicon che dalla sua area arriva fino all'altezza del dischetto del rigore dei giallorossi, bellissimo lo scambio stretto con Obinna ma il tiro del brasiliano è impreciso. Al 15' la Roma prova a reagire, Aquilani serve De Rossi ma il suo tiro finisce a lato della porta difesa da Julio Cesar. Al 18' Totti triangola con Vucinic ma Maicon è bravissimo a deviare in calcio d'angolo. Al 19' occasione per Quaresma che di esterno manda alto sopra la traversa. Al 25' il terzino destro della formazione nerazzurra prova la conclusione da posizione molto defilata, il tiro è potente e Doni è costretto a respingere in calcio d'angolo. Al 32' Quaresma se ne va sulla fascia sinistra, pennellata al centro dell'area di rigore per Ibrahimovic che fa da torre ma nessun compagno di squadra riesce ad intercettare la palla. Al 43' Taddei crossa al volo dalla fascia destra, Totti fa da sponda per Vucinic che di testa prova ad andare in rete, Cordoba intercetta e devia in corner. Il primo tempo si chiude con l'Inter in vantaggio per 1-0. La ripresa si apre con l'Inter immediatamente in avanti e, dopo soli due minuti la formazione di Mourinho trova la rete del raddoppio. Muntari verticalizza per Ibrahimovic, lo svedese porta palla per un paio di metri pressato da Juan. Poi calcia e infila Doni con un diagonale di sinistro. Al 48', la Roma sente la pressione e Cicinho servito da Perrotta tenta la conclusione disturbato da Julio Cesar. Al 51' Julio Cesar si supera deviando in calcio d'angolo una sassata di Aquilani. Al 54' l'Inter si porta sul tre a zero. Stankovic dal limite dell'area colpisce d'interno destro, la palla sfiora il palo e finisce in rete. Al 56' prima rete di Obinna con la maglia dell'Inter e quarto gol per i nerazzurri. Il nigeriano partendo dal vertice alto dell'area converge verso il centro e scocca un gran tiro di sinistro che si infila a fil di palo. Al 72' ancora un'occasione per l'Inter. Mancini su punizione crossa per Maicon che colpisce il palo, sulla ribattuta Ibrahimovic non riesce a ribattere in rete. Al 77' Riise calcia una punizione di rara potenza, la palla sembra diretta nell'angolo basso della porta nerazzurra e Julio Cesar con una splendida parata a terra devia in calcio d'angolo. Al 78' Menez calcia di destro al volo, la palla esce alta sulla traversa. All'80' e all'84' ci provano anche Cordoba e Muntari ma entrambe le conclusioni non impensieriscono Doni. Inter ancora vicina al gol all'89'. Scambio Obinna-Muntari con il ghanese che prova la conclusione di potenza, la palla esce di pochissimo. La partita termina con tre minuti di recupero col punteggio di 0-4 a favore dell'Inter. Primi minuti di gioco e il pressing dei nerazzurri si fa sentire la Roma un pò imballata. Poi le squadre si allungano e l'Inter riesce ad arrivare al cross in diverse occasioni. La Roma invece cerca di giocare negli spazi stretti ma la difesa interista non si fa mai sorprendere. Nel finale del primo tempo qualche occasione per i giallorossi che provano a reagire. Nella ripresa, avvio scoppiettante dell'Inter che si porta sul 4-0, realizzando un parziale di 3-0 in poco più di undici minuti. Per l'Inter quinta vittoria in otto partite e primato solitario in classifica con due punti di vantaggio su Udinese, Napoli e Catania. Roma-Inter: 0-4 Marcatori: 5', 2'st Ibrahimovic, 9'st Stankovic, 11'st Obinna Roma: 32 Doni; 3 Cicinho, 15 Loria, 4 Juan, 17 Riise; 16 De Rossi, 8 Aquilani; 11 Taddei (30'st Okaka), 20 Perrotta (32'st Brighi), 9 Vucinic; 10 Totti (24'st Menez). A disposizione: 25 Arthur, 7 Pizarro, 22 Tonetto, 23 Montella, 24 Menez, 33 Brighi, 89 Okaka. Allenatore: Luciano Spalletti. Inter: 12 Julio Cesar; 13 Maicon, 2 Cordoba, 26 Chivu, 4 Zanetti; 5 Stankovic (33'st Dacourt), 19 Cambiasso, 20 Muntari; 21 Obinna, 8 Ibrahimovic (37'st Cruz), 77 Quaresma (24'st Mancini). A disposizione: 1 Toldo, 9 Cruz, 10 Adriano, 15 Dacourt, 25 Samuel, 33 Mancini, 45 Balotelli. Allenatore: José Mourinho. Ammoniti: Vucinic, Chivu. Arbitro: Nicola Rizzoli (Bologna). Fonte: Inter.it
  21. Roma-Inter: 20 convocati APPIANO GENTILE - Josè Mourinho ha convocato 20 nerazzurri in vista di Roma-Inter, gara valida per il posticipo della 7^ giornata della Serie A Tim 2008-2009 in programma domenica (ore 20.30) allo stadio "Olimpico" di Roma. Portieri: 1 Francesco Toldo, 12 Julio Cesar, 22 Paolo Orlandoni. Difensori: 2 Ivan Ramiro Cordoba, 13 Maicon, 25 Walter Samuel, 26 Cristian Chivu, 39 Davide Santon. Centrocampisti: 4 Javier Zanetti, 5 Dejan Stankovic, 15 Olivier Dacourt, 19 Esteban Cambiasso, 20 Sulley Muntari, 33 Amantino Mancini, 77 Ricardo Quaresma. Attaccanti: 8 Zlatan Ibrahimovic, 9 Julio Ricardo Cruz, 10 Adriano, 21 Victor Obinna, 45 Mario Balotelli. Fonte: Inter.it
  22. Buon compleanno a Julio Cruz APPIANO GENTILE - Tanti auguri di buon compleanno a Julio Ricardo Cruz che oggi compie 34 anni essendo nato il 10 ottobre 1974 a Santiago dell'Estero. All'attaccante argentino gli auguri di tutta l'Inter e di tutti i tifosi interisti. Fonte: Inter.it
  23. Infortunio Rivas: operato oggi a Pavia PAVIA - È terminato da pochi minuti ed è perfettamente riuscito l'intervento chirurgico di ricostruzione del legamento collaterale esterno del ginocchio destro di Nelson Rivas, infortunatosi sabato 4 ottobre 2008 nel corso del secondo tempo di Inter-Bologna. L'intervento, che è durato circa 2 ore, è stato eseguito dal professor Franco Benazzo, direttore della clinica ortopedica della Fondazione IRCCS Policlinico "San Matteo" di Pavia, con la collaborazione di tutto il suo staff e del professor Franco Combi, direttore dell'area medica di F.C. Internazionale. "Il sospetto diagnostico è stato confermato - spiega il professor Combi a www.inter.it - e si è dunque proceduto alla ricostruzione plastica del legamento, completamente lesionato, e del comparto esterno del ginocchio. Rivas, dopo circa 15 giorni di riposo assoluto, potrà avviare la fase di riabilitazione e di rieducazione all'attività agonistica". Fonte: Inter.it
  24. Infortunio Rivas: l'esito degli esami MILANO - Rottura del collaterale esterno del ginocchio destro. È questa la diagnosi dell'infortunio riportato da Nelson Rivas nel secondo tempo di Inter-Bologna. Il difensore, al termine della gara, è stato trasportato a Pavia dove, presso la clinica ortopedica della Fondazione IRCCS Policlinico 'San Matteo', diretta dal professor Franco Benazzo, è stato sottoposto ad accertamenti strumentali urgenti. Dopo il consulto tra il professor Benazzo e il professor Franco Combi, responsabile dell'area medica di F.C. Internazionale, nella notte Rivas è stato dimesso ed è rientrato nell'abitazione milanese accompagnato dal personale della società messo a sua disposizione. Per domani è programmato un nuovo controllo clinico per la scelta terapeutica definitiva. Il professor Franco Combi, a inter.it, spiega: "Pur trattandosi di un infortunio importante, ora siamo più tranquilli perché è meno grave di quanto, inizialmente, si poteva temere vista la dinamica in campo e considerato il dolore che il ragazzo provava. Ora dobbiamo decidere se procedere con un intervento chirurgico o con una terapia conservativa, ma siamo più tranquilli perché non sono interessati i crociati e non si tratta di una frattura della tibia". Fonte: Inter.it
  25. Inter-Bologna: 2-1 gol di Ibrahimovic e Adriano MILANO - Sesta giornata di campionato. Il Bologna va in scena a San Siro per affrontare l'Inter di Mourinho. Nelle fila interiste, in panchina, si vede Obinna per la prima volta. Per i nerazzurri in difesa Zanetti, Cordoba, Rivas, Maicon; a centrocampo Quaresma, Muntari, Vieira, Mancini; coppia d'attacco Ibrahimovic, Adriano. Il Bologna risponde con Antonioli; Marchini, Moras Terzi, Bombardini; Mudingayi, Volpi, Adailton, Amoroso, Valiani; in attacco unica punta Di Vaio. Al 2' Minuto del primo tempo Volpi prova la conclusione al volo, ma il suo tiro è ribattuto dalla difesa. 8'minuto: l' Inter riparte in contropiede. la palla arriva sui piedi di Ibrahimovic, che prova il tiro a rete dopo aver resistito alla carica dell'avversario: Antonioli si salva miracolosamente. Al 13' Mudingayi prova il tiro dalla distanza. Sul seguente contropiede risponde Quaresma. Il suo tiro è disturbato da Volpi, che devia in calcio d'angolo. 18'minuto: buon cross di Maicon. Adriano, di pochissimo, non riesce ad anticipare i difensori bolognesi. 21'minuto. Ancora un cross dalla fascia: ci prova Ibrahimovic, che non aggancia il cross di Zanetti. 25' splendida azione Adriano-Ibrahimovic: il brasiliano salta un difensore bolognese e pennella un cross per Ibrahimovic, che di tacco, devia alle spalle di Antonioli. 31'minuto: bell'azione di prima da parte dell'Inter. Adriano scambia con Ibrahimovic ,che mette Vieira di fronte al portiere;il francese costringe Antonioli alla deviazione. 32'minuto: bel tiro di Patrick Vieira, che intercetta un rinvio di Antonioli, ma il suo tiro finisce alto sulla traversa. 38': Quaresma cede palla ad Adriano posizionato all'altezza del dischetto di rigore.Il brasiliano sponda per l'accorente Ibrahimovic, che prova il tiro dal limite dell'area;la palla finisce di poco fuori. 40' minuto:buona occasione per il Bologna con Volpi che prova un tiro a girare bloccato in tuffo da Julio Cesar. 46': calcio d'angolo battuto da Quaresma ,la palla sembra diretta in porta; Antonioli accompagna con lo sguardo in calcio d'angolo; Quaresma intercetta una palla vagante e prova il tiro dalla distanza, ma Rivas intercetta il tiro. Al 47' Vieira conquista la palla al limite dell'area. Dopo quest'azione l'arbitro manda le squadre negli spigliatoi con il punteggio di 1-0 a favore dei nerazzurri. Nella ripresa le squadre si ripresentano in campo senza avere effettuato nessuna sostituzione. Il Bologna comincia fornendo maggior pressione, anche se la prima occasione è di marca interista. Al 5' minuto l'Inter ottiene un calcio di rigore per un tocco di mano in area di Volpi. Sul dischetto si presenta Adriano che spiazza Antonioli mandando la palla alla sinistra del portiere. All'11'minuto della ripresa il Bologna accorcia le distanze con Moras, che approfittando di un malinteso tra Zanetti e Cordoba, deposita la palla in rete . Al quattordicesimo, Quaresma partendo dalla fascia, si accentra verso la porta di Antonioli , ma l'azione viene interrotta dai difensori del Bologna. Minuto 19' :Maicon effettua un tiro cross dalla destra, la palla attraversa l'area e finisce sul palo esterno. Rivas resta a terra al 25' dopo un contrasto con Di Vaio ed è costretto ad abbandonare il campo. Successivamente bellissimo tiro di Muntari al 30' che costringe alla deviazione Antonioli. Al 34' Il neo-entrato Coelho crossa per Di Vaio che viene anticipato in uscita da Julio Cesar. L'Inter prova ad allungare con Stankovic che prova la conclusione da fuori area in due occasioni: prima al 37', poi al 42', anche se entrambe le conclusioni vengono intercettate da Antonioli. Obinna, appena entrato, ha l'occasione di festeggiare il suo esordio con un gol al 44'. Il nigeriano devia in spaccata un cross di Adriano. Occasione d'oro per Ibrahimovic al 50'. Dopo aver saltato due difensori avversari, cerca di soprendere Antonioli con un tiro basso,con la palla che finsce fuori di poco. Dopo cinque minuti di recupero, il direttore di gara decreta la fine della partita . L'Inter supera il Bologna per 2-1. Solito pressing alto dell'Inter nei primi quarantacinque minuti. Bologna chiuso in difesa. Anche se l'Inter trova la via del gol dopo 25' minuti con un colpo di genio di Ibrahimovic. Secondo tempo molto intenso. Il Bologna cerca di spingersi avanti, ma l'Inter si porta sul 2-0 con un rigore trasformato da Adriano. I felsinei dimezzano il vantaggio con Moras all'undicesimo. L'Inter supera 2-1 il Bologna e conquista momentaneamente la vetta della classifica a parimerito con la Lazio. Inter-Bologna: 2-1 Marcatori: 25' Ibrahimovic, 5'st rig. Adriano; 11'st Moras Inter: 12 Julio Cesar; 13 Maicon, 2 Cordoba, 24 Rivas (28'st Cambiasso), 4 Zanetti; 77 Quaresma (43'st Obinna), 14 Vieira, 20 Muntari, 33 Mancini (29'st Stankovic); 10 Adriano, 8 Ibrahimovic. A disposizione: 1 Toldo, 9 Cruz, 25 Samuel, 36 Bolzoni. Allenatore: José Mourinho. Bologna: 1 Antonioli; 2 Marchini (34'st Coelho), 19 Terzi, 18 Moras, 10 Bombardini; 26 Mudingayi, 5 Volpi (18'st Marazzina); 20 Adailton (18'st Zenoni), 4 Amoroso, 7 Valiani; 9 Di Vaio. A disposizione: 15 Colombo, 6 Britos, 8 Mingazzini, 23 Lanna. Allenatore: Daniele Arrigoni. Ammoniti: Cordoba, Quaresma; Marchini, Moras. Arbitro: Maurizio Ciampi (Roma). Fonte: Inter.it