Accedi per seguire   
Seguaci 0
Diablo

[LIBRI]Da Saga Fantasy A Epopea Dark

1 messaggio in questa discussione

"Il Principe Mezzosangue" è il sesto capitolo, il penultimo

in vendita dalla mezzanotte del 5 gennaio tra feste e magia

Da saga fantasy a epopea dark

in Italia il nuovo libro di Harry Potter

Viaggio nel fenomeno del maghetto che ha cambiato il mondo

tra cospirazioni, ladri di anticipazioni, blogger fanatici e allarmismi

di DARIO OLIVERO

este_03173439_34490.jpg

ROMA - Non si è fatto in tempo a rilassarsi dal quarto film appena uscito in sala che ecco, con un balzo temporale in avanti, il sesto libro della saga. Allo scoccare della mezzanotte tra il 5 e il 6 gennaio arriva in Italia Harry Potter e il Principe Mezzosangue (Salani, 610 pagine, 22 euro). Nei paesi anglosassoni il volume uscito nello scorso luglio ha venduto oltre 25 milioni di copie, 10 milioni nelle prime 24 ore, poco meno di 7 mila al minuto. In Italia ne sono state tirate 750 mila copie che per il nostro paese è una cifra stratosferica.

JK Rowling e la Pietra Filosofale

Finora nel mondo sono state vendute complessivamente 300 milioni di copie tra tutti i volumi della saga, con traduzioni in 63 lingue. Questo, oltre ai diritti cinematografici, ha reso l'autrice JK Rowling la scrittrice più ricca del pianeta con un patrimonio personale stimato intorno ai 900 milioni di dollari. Per molti il vero miracolo è questo, e la vera pietra filosofale che dava il titolo al primo capitolo è questa: trasformare il piombo dell'inchiostro in oro.

Epopea pop con finale dark

Ma il successo di un'opera pop non si può giudicare soltanto da quanto incassa. Harry Potter ha dato una scossa al mondo e lo ha fatto in modo così intenso che a molti può essere sfuggita la grande trasformazione del fenomeno: quando tutto incominciò si parlò di libri per bambini, di epopea fantasy. Ora l'epopea è dark, il maghetto protagonista è cresciuto, ha subito lutti e dolori, ha intravisto l'amore, vede oscuri presagi, sta scoprendo che la sua creatrice lo sta mandando a combattere lo scontro finale. Da solo.

Non accade ancora in questo libro, accadrà nel prossimo. Ma già da ora gli ingranaggi incominciano a girare verso un'unica direzione: la fine. In questo grande giro di ruota, nel racconto che incomincia con un bambino predestinato e finisce con il compiersi del suo destino sono rimasti avvinghiati i lettori grazie alle doti non comuni di JK Rowling. Ed è per questo che tutti parlano di Harry Potter e quasi ogni giorno succede qualcosa che ha a che fare con il maghetto. E' la grandezza del pop.

In morte di un mago

"Tremo all'idea di quello che può succedere. Vivo questa fase con sentimenti alterni, con eccitazione e paura. Non vedo poi l'ora di poter svelare il finale del prossimo romanzo, di poter rispondere a tutte le domande dei miei lettori. Comunque, non riesco proprio ad immaginare come sarà la mia vita senza Harry Potter". Con queste poche frasi sul suo sito Internet JK Rowling poco dopo Natale ha seminato il panico confermando, secondo alcuni, le indiscrezioni che dicono che Harry morirà nel prossimo libro. La Rowling sta già lavorando al settimo capitolo. Aveva già detto che sarebbe stato l'ultimo e così potrebbe essere intesa quella frase sulla sua vita senza Harry Potter. Ma, di fronte a dubbi e ipotesi così drammatici, non si può pretendere lucidità e calma dai fan.

Il vero miracolo di Harry: meno bimbi negli ospedali

Una notizia coperta da embargo apparsa il 22 dicembre diceva così: "Con Harry Potter meno bimbi al pronto soccorso". Il British Medical Journal pubblicava un'indagine del Department of Orthopaedic Trauma Surgery presso il John Radcliffe Hospital di Oxford: lo studio mostra che il numero di accessi di bambini al pronto soccorso praticamente si dimezza nei giorni concomitanti all'uscita dei nuovi libri e film della saga del maghetto. Gli esperti hanno esaminato tutti gli accesi al pronto soccorso per lesioni muscoloscheletriche in bambini di 7-15 anni considerando tutti i weekend estivi del biennio 2003-2005. Poi hanno confrontato la frequenza di accessi in concomitanza con l'uscita dei due ultimi libri della saga Potter, Harry Potter e l'Ordine della Fenice e Harry Potter e il Principe Mezzosangue, con la frequenza di accessi in analoghi weekend (uguali per condizioni meteo e periodo dell'anno). E' emerso che la frequenza media di accessi al pronto soccorso è di 67 per un weekend normale, ma che questa frequenza scende a 36-37 nei week end in concomitanza con l'uscita dei libri. In nessun periodo dell'anno la frequenza di accessi è mai scesa a simili valori.

Il vero miracolo/2: scoperto il segreto del successo

Un gruppo di esperti di statistica ha messo gli occhi sulle classifiche dei bestseller degli ultimi 54 anni delle classifiche del New York Times e Bbc. Hanno comparato i migliori con i peggiori titoli degli stessi autori. Hanno scoperto che i titoli vincenti avevano questi elementi in comune: titoli metaforici o figurati e non letterali, la prima parola era un pronome, un verbo, un aggettivo o un saluto inserito in una forma grammaticale possessiva o genitiva. Con questa griglia il dottor Winkler, padre del progetto, ha spiegato al Guardian di essere in grado di stabilire se un libro diventerà o meno un bestseller per il 70% dei casi. Spesso indovina. Ma visto che Harry Potter viola tutte le regole tranne l'ultima, la statistica avrebbe bocciato le avventure del maghetto.

JK come Jfk: la grande cospirazione

JK Rowling arrivò in Scozia 12 anni fa, madre single, con pochi soldi e senza un lavoro. Finì a vivere in un quartiere di Edimburgo in cui si doveva destreggiare con baby gang che le sfasciavano i vetri delle finestre, scozzesi ubriachi che irrompevano in casa in piena notte. Ha scritto questa prima parte della sua vita in un libro di riflessioni dal titolo One city. Poi ebbe l'illuminazione: un mago, una scuola di magia, un nemico... Troppo bello per essere vero? E' quello che sostiene la regista norvegese Nina Grunfeld che, neanche scherzando troppo ha scritto su un quotidiano norvegese, Aften Posten, che la storia della povera ragazza che diventa miliardaria grazie a un'ispirazione magica non è altro che un'enorme manovra che vede coinvolti grandi distributori e ghost-writers per mettere in piedi il più grande fenomeno editoriale del secolo.

Il mago nella Rete

Secondo Blogpulse, un motore di ricerca per i blog, Harry Potter è il personaggio più citato dai blogger nel 2005. Più di George W. Bush e più di Giovanni Paolo II, secondo e terzo. Vista la premessa è praticamente impossibile elencare tutti i siti e le risorse su Internet in cui il maghetto adolescente si manifesta. Quello che si può dire però è che è un mago super-tecnolgico visto che il sito di fan The Leaky Cauldron già qualche mese fa aveva messo in piedi un servizio di podcast chiamato PotterCast dal quale si possono scaricare contenuti audio e video con le novità che riguardano il mondo di HP.

Harry Potter e la lotta contro il crimine

Probabilmente con Harry Potter è nato per magia un nuovo tipo di reato: rubare un libro prima che esca per venderne il contenuto scottante al miglior offerente. Lo sa bene Aaron Lambert, 20 anni di Kettering, Inghilterra. Guardia giurata che lavorava in un centro di distribuzione, trafugò due copie del Principe Mezzosangue sei settimane prima della data di uscita in Gran Bretagna. Quindi contattò due cronisti di due giornali nazionali per vendere loro il suo tesoro e, quando la trattativa sfumò, tentò di ricattare la casa editrice. Con uno dei giornalisti finì quasi malissimo, visto che Lambert tirò fuori una pistola e lo minacciò. Il processo sta per concludersi e sono in molti a pensare - compreso il giudice - che Lambert resterà in prigione per molto tempo.

Il mago e la Befana

Roma, Milano, Firenze: in tutte le città le librerie si preparano per festeggiare degnamente l'arrivo del nuovo libro. A Roma la festa sarà in piazza SS. Apostoli con inizio alle 22 fino a mezzanotte, ora in cui sarà possibile acquistare il romanzo in tutta Italia.

(3 gennaio 2006)

Fonte

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente registrato per partecipare

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora
Accedi per seguire   
Seguaci 0