nickca

Facciamo Un Gioco

1,143 messaggi in questa discussione

L'urlo squarciò il silenzio di quella maledetta notte piena di grida, mentre la luna osservava, pallida e silenziosa cosa, chiedendosi se a volte anche gli uomini pensano a quello che sarà.

La madre si voltò lasciando cadere il gelato sul tappeto di colore avorio e in silenzio raccolse le gocce di pistacchio, fragola e puffo.

Trovandosi di fronte ad un tizio mai visto che piano piano ansimava l'unica parola che lei non avrebbe voluto sentire uscire dalla sua bocca, per un attimo si fermò, chiedendosi se

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

L'urlo squarciò il silenzio di quella maledetta notte piena di grida, mentre la luna osservava, pallida e silenziosa cosa, chiedendosi se a volte anche gli uomini pensano a quello che sarà.

La madre si voltò lasciando cadere il gelato sul tappeto di colore avorio e in silenzio raccolse le gocce di pistacchio, fragola e puffo.

Trovandosi di fronte ad un tizio mai visto, che piano piano ansimava l'unica parola che lei non avrebbe voluto sentire uscire dalla sua bocca, per un attimo si fermò, chiedendosi se stesse sognando. Tese una

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

L'urlo squarciò il silenzio di quella maledetta notte piena di grida, mentre la luna osservava, pallida e silenziosa cosa, chiedendosi se a volte anche gli uomini pensano a quello che sarà.

La madre si voltò lasciando cadere il gelato sul tappeto di colore avorio e in silenzio raccolse le gocce di pistacchio, fragola e puffo.

Trovandosi di fronte ad un tizio mai visto, che piano piano ansimava l'unica parola che lei non avrebbe voluto sentire uscire dalla sua bocca, per un attimo si fermò, chiedendosi se stesse sognando. Tese una mano verso l'uomo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

L'urlo squarciò il silenzio di quella maledetta notte piena di grida, mentre la luna osservava, pallida e silenziosa cosa, chiedendosi se a volte anche gli uomini pensano a quello che sarà.

La madre si voltò lasciando cadere il gelato sul tappeto di colore avorio e in silenzio raccolse le gocce di pistacchio, fragola e puffo.

Trovandosi di fronte ad un tizio mai visto, che piano piano ansimava l'unica parola che lei non avrebbe voluto sentire uscire dalla sua bocca, per un attimo si fermò, chiedendosi se stesse sognando. Tese una mano verso l'uomo, mano che gocciolava gelato,

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

L'urlo squarciò il silenzio di quella maledetta notte piena di grida, mentre la luna osservava, pallida e silenziosa cosa, chiedendosi se a volte anche gli uomini pensano a quello che sarà.

La madre si voltò lasciando cadere il gelato sul tappeto di colore avorio e in silenzio raccolse le gocce di pistacchio, fragola e puffo.

Trovandosi di fronte ad un tizio mai visto, che piano piano ansimava l'unica parola che lei non avrebbe voluto sentire uscire dalla sua bocca, per un attimo si fermò, chiedendosi se stesse sognando. Tese una mano verso l'uomo, mano che gocciolava gelato, non era gelato

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

quattro parole :ranting2: :ranting2: :ranting2: :ranting2: :ranting2:

:):P:P

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ma un ricordo lontano

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

perso nei sentieri della

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

felicità, riparato dalla brezza della vita

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Così cara al cuore

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ricapitolando:

L'urlo squarciò il silenzio di quella maledetta notte piena di grida, mentre la luna osservava, pallida e silenziosa cosa, chiedendosi se a volte anche gli uomini pensano a quello che sarà.

La madre si voltò lasciando cadere il gelato sul tappeto di colore avorio e in silenzio raccolse le gocce di pistacchio, fragola e puffo.

Trovandosi di fronte ad un tizio mai visto, che piano piano ansimava l'unica parola che lei non avrebbe voluto sentire uscire dalla sua bocca, per un attimo si fermò, chiedendosi se stesse sognando. Tese una mano verso l'uomo, mano che gocciolava gelato, non era gelato, ma un ricordo lontano perso nei sentieri della felicità, riparato dalla brezza della vita...così cara al cuore

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

tornò l'immagine di quell'

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

tornò l'immagine di quell'urlo di Quella maledetta

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

notte fredda buia e

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

L'urlo squarciò il silenzio di quella maledetta notte piena di grida, mentre la luna osservava, pallida e silenziosa cosa, chiedendosi se a volte anche gli uomini pensano a quello che sarà.

La madre si voltò lasciando cadere il gelato sul tappeto di colore avorio e in silenzio raccolse le gocce di pistacchio, fragola e puffo.

Trovandosi di fronte ad un tizio mai visto, che piano piano ansimava l'unica parola che lei non avrebbe voluto sentire uscire dalla sua bocca, per un attimo si fermò, chiedendosi se stesse sognando. Tese una mano verso l'uomo, mano che gocciolava gelato, non era gelato, ma un ricordo lontano perso nei sentieri della felicità, riparato dalla brezza della vita...così cara al cuore tornò l'immagine di quell'urlo di quella maledetta notte fredda buia e poi improvvisamente si svegliò.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

turbata da quel sogno ricorrente.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

4 parole!!! :)

:P :angel_not:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
4 parole!!! :P

;) :angel_not:

:):P

teniamoli d'occhio Enrico, qui si allargano :wub::P

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

L'urlo squarciò il silenzio di quella maledetta notte piena di grida, mentre la luna osservava, pallida e silenziosa cosa, chiedendosi se a volte anche gli uomini pensano a quello che sarà.

La madre si voltò lasciando cadere il gelato sul tappeto di colore avorio e in silenzio raccolse le gocce di pistacchio, fragola e puffo.

Trovandosi di fronte ad un tizio mai visto, che piano piano ansimava l'unica parola che lei non avrebbe voluto sentire uscire dalla sua bocca, per un attimo si fermò, chiedendosi se stesse sognando. Tese una mano verso l'uomo, mano che gocciolava gelato, non era gelato, ma un ricordo lontano perso nei sentieri della felicità, riparato dalla brezza della vita...così cara al cuore tornò l'immagine di quell'urlo di quella maledetta notte fredda buia e poi improvvisamente si svegliò.

turbata da quel sogno

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mary non ci siamo!!!! :):P

devi scrivere SOLO 4 PAROLE !!!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Mary non ci siamo!!!! :):P

devi scrivere SOLO 4 PAROLE !!!

:dia:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
è facile, si comincia da qui:

Ognuno scrive 4 (QUATTRO non una di più non una di meno) parole che devono essere in qualche modo legate alle 4 scritte da chi lo ha preceduto in modo da creare un racconto in continua evoluzione.

Piccola aggiunta postuma. Chiunque puo replicare anche più volte purché tra i suoi interventi ce ne siano almeno tre di altre persone.

:regole:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ok, ora sistemo :)

L'urlo squarciò il silenzio di quella maledetta notte piena di grida, mentre la luna osservava, pallida e silenziosa cosa, chiedendosi se a volte anche gli uomini pensano a quello che sarà.

La madre si voltò lasciando cadere il gelato sul tappeto di colore avorio e in silenzio raccolse le gocce di pistacchio, fragola e puffo.

Trovandosi di fronte ad un tizio mai visto, che piano piano ansimava l'unica parola che lei non avrebbe voluto sentire uscire dalla sua bocca, per un attimo si fermò, chiedendosi se stesse sognando. Tese una mano verso l'uomo, mano che gocciolava gelato, non era gelato, ma un ricordo lontano perso nei sentieri della felicità, riparato dalla brezza della vita...così cara al cuore tornò l'immagine di quell'urlo di quella maledetta notte fredda buia e poi improvvisamente si svegliò.

Turbata da quel sogno

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

visto che hai sistemato potevi anche aggiungerci 4 Parole :):P:P:wub: ops ho eliminato uno :P erano 5 :angel_not:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

no

il penultimo intervento era il mio :regole: :popò:

:angel_not: :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente registrato per partecipare

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora